BOLOGNA, LA ILEGADA DE BRUNO VINTI

Inizia a prendere forma la squadra di coach Marzola con una pedina fondamentale: Bruno Vinti. Lo schiacciatore di Rosario, dopo una lunga carriera nella massima serie Argentina, si è trasferito in Italia e questa per lui sarà la quarta stagione in A3.Tre importanti partecipazioni nei team più quotati del campionato condite dalla promozione in A2 con la compagine di PortoViro. Banda esperta e di grande equilibrio, il classe 91’, ha grandi abilità tecniche nei fondamentali di seconda linea ma ha già in cassaforte 958 punti; speriamo sia proprio Bologna la città in cui Bruno potrà metterà la firma sui suoi primi 1000 punti in Italia. 


– come ti trovi in Italia ? E per quale motivo hai scelto proprio Bologna? 
Bruno Vinti: “ In Italia mi sono trovato benissimo fin dall’ inizio, la cultura italiana assomiglia tanto alla nostra ed io mi sono sempre sentito come a casa. Poi è uno stato ricco di storia: mi piace tantissimo!La scelta di firmare a Bologna è dipesa da una serie di fattori: il progetto della società che penso sia molto serio e interessante; la città di Bologna che per fortuna ho avuto l’opportunità di conoscere, mi è sempre piaciuta e penso che mi troverò benissimo li; l’idea di squadra che vogliono realizzare; ultimo ma non meno importante per lo staff che mi hanno detto essere sempre predisposto a farci lavorare in buon ambiente.


– Sei ormai uno degli esperti di questo campionato, cosa ti aspetti in particolare da questa stagione ?
Con il passare del tempo il livello della A3 è sempre salito, in più quest’anno con l’inserimento di un secondo straniero in campo in A2, molti giocatori abituati a giocare a grandi livelli sono venuti a giocare in questa categoria. Mi aspetto un campionato ancora più equilibrato e più combattuto rispetto agli anni precedenti, noi cercheremo di dare sempre il massimo di noi stessi per combattere ogni partita. Come ho detto sarà un campionato tosto: dovremmo affrontarlo passo dopo passo, partita dopo partita, per raggiungere i nostri obiettivi.

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Articoli correlati