[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”4.4.8″][et_pb_row _builder_version=”4.8.1″ _module_preset=”default”][et_pb_column _builder_version=”4.8.1″ _module_preset=”default” type=”4_4″][et_pb_text _builder_version=”4.8.1″ _module_preset=”default” hover_enabled=”0″ sticky_enabled=”0″]

Premesso che i miei 25 lettori (citando immodestamente il Manzoni) godano tutti di buona salute, considerando che si sorbiscono solo una pillola ogni dieci giorni, dedico l’odierna ad altri due successi nazionali “sui generis”. E per questo motivo non citati nelle pillole dedicate agli scudetti.

Uno è datato 1974-75 ottenuto dalla neo-nata U.S. Zinella del presidente Soverini che fu campione d’Italia del centro sportivo (lega diversa dalla fipav, a stampo Don Camillo, rispetto alla Visp a stampo più peppone).

E l’altro datato 1985-86 ottenuto dal Pencus del pres Penazzi che fu campione della lega di B e C riuscendo a vincere un goldenset ad Agrigento, per non riviaggiare, facendo la finale all’Arcoveggio.

Dopo aver vinto la finale a Vercelli grazie al sottoscritto che ,per caricare la squadra, la portò, prima, a un film della pornostar Cicciolina.

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Articoli correlati