VII PILLOLA DEL FARMACISTA

[et_pb_section fb_built=”1″ _builder_version=”4.8.1″ _module_preset=”default”][et_pb_row _builder_version=”4.8.1″ _module_preset=”default”][et_pb_column type=”4_4″ _builder_version=”4.8.1″ _module_preset=”default”][et_pb_text _builder_version=”4.8.1″ _module_preset=”default”]

Esiste un filone di romanzi, capostipite Stephen King, che narra distorsioni della storia: cosa sarebbe successo se Hiltler avesse vinto a Stalingrado, se Kennedy l’avesse scampata a Dallas, se a Berlino ci fosse ancora il muro ecc ecc. 

Rapportando il tutto al volley ci si potrebbe chiedere quali sarebbero stati gli sviluppi se, il 21 maggiore 1985 , allo spareggio di Reggio Emilia la Zinella, da sfavorita,  avesse perso con la Panini dei big allenati da Andra Nannini. 

Ebbene… non sarebbe succeso nulla: ci sarebbe stato l’ennesimo scudetto modenese tipo juventus e il volley sarebbe rimasto in soffitta.

Invece nella realtà lo spedido Ricicletti-Davide del mitico prof Mario Zanetti sconfissero i campionissimi- Golia facendo saltare la mosca al naso del presidente Benito Panini che silurò il suo coach per assumere, da Jesi, l’emergente argentino Julio Velasco.

Novello remida porto il volley dalla soffitta al salotto partorendo la nazionale del secolo tre volte campione del mondo. 

Diremi mica piccolo il merito della pallavolo bolognese …

                                                                            Penaz 

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]

Condividi:

Facebook
Twitter
LinkedIn
Articoli correlati

BOLOGNA, LA ILEGADA DE BRUNO VINTI

Inizia a prendere forma la squadra di coach Marzola con una pedina fondamentale: Bruno Vinti. Lo schiacciatore di Rosario, dopo una lunga carriera nella massima serie